martedì 2 ottobre 2012

Fiumi di strada



Che esci alle 11 di sera da lavoro e sai di frittura d'arzigogoli, che boccheggi dopo 12 ore d'aria artificiale quasi soffocato da parole strumentate, che i passi si reggono appena, ancora nauseati dal fiato di ogni cane che ha abbaiato o che ti ha trascinato dalla sua per soldi o per amore di farla pagare al proprio fratello.
Che domandi, serio, alle macchine parcheggiate se hanno trovato strade nuove, almeno una, che una birra brilla nella bocca allegra come, qualche tempo fa, biglie trovatelle scoppiettavano tra le sue mani veloci.
Che in mezzo a tutte le stronzate tirate fuori con gli amici, ne senti una che ti fionda due anni luce indietro, che se anche non vuoi, ritorni alle sonore lotte di schiaffi che portavano sempre, prima o poi, alle sue labbra, a non finire.
Che ti aspetti di incontrarla, così, subito, senza un cazzo di ragione, senza dover chiedere scusa di nuovo, che inebetisci all'idea ubriaca di tirarla a te tutta la notte per tutta la vita, che quasi ringrazi il cielo per sto film a lieto fine che si ripete puntualmente da non sai più quanto tempo.
Che il cielo è avido e non ha mai voglia di renderti i desideri che hai attaccato alle sue stelle ladre.
Che quando la porta chiude fuori il mondo, in fin dei conti, non c'è nulla di cui ti freghi realmente, ché il dubbio di lei ti aspetta già a casa, sul divano, con le gambe all'indiana, sotto il plaid di lana scozzese, con quegli occhialini sul naso, cosi sexy che ci fai l'amore di nuovo.


  

11 commenti:

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Secondo le tue previsioni questo post mi sarebbe piaciuto o no?


Mi piace. Mi piace tantissimo. Una delle cose più belle che tu abbia mai scritto. Una delle cose più belle che io abbia mai letto.

Farnetico ha detto...

Posso chiederti di nuovo di sposarmi?(e sperare in una risposta a stretto giro di posta?)

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Dedica anche a me un post di questo livello e con questo trasporto. E prometto di farci un pensierino

Farnetico ha detto...

Mi stai chiedendo di farmi un autogoal?

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Le tue metafore calcistiche mi risultano sempre ostiche

Farnetico ha detto...

Allora, mia cara ostrica, per scrivere un post cosi, mi dovresti prima dare il benservito. Io quindi devo crearne li condizioni (autogoal)! E cosi il pensierino di nozze salterebbe.
C'è un problema nella successione degli atti.

Anonimo ha detto...

Chè il cielo poi è anche disinteressato nel regalare albe e tramonti e giorni colorati di mille tonalità...Ed in questi ultimi scampoli d'estate si sciolgono coagulati pensieri di stagioni passate, permettendo ad atavici sentimenti di preservare ricordi percorrendo nuove strade,  binari per sogni e desideri,"cambiamenti e sfide". chiara

Farnetico ha detto...

Chiara! Come va?
Eh si, hai proprio ragione: sfide, cambiamenti, nostalgie. Un po' di pace mai! Ma come devo fare?!?!
A presto!

Anonimo ha detto...

Bello. Davvero.

Farnetico ha detto...

Grazie, ma ti confesso che è tutta colpa sua se sto cosi. :D

Alessandra Bacci ha detto...

Questo post mi è sempre piaciuto tantissimo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...