martedì 8 gennaio 2013

Il Cavaliere per un giorno.

Suonavo rivoluzioni al pianoforte,
tu vibravi tra le corde di Corelli.
Non ti portavo mai acqua, 
ma sminuzzavo Sicilie che sputacchiavi qua e là.
Ho mimato chissà quante notti normanne per mostrarmi senza verbi.
Eppure danzavano solo pupi furiosi per la tua platea.

Ricordo, disegnavi città vive in te con colori di neve e io, di neve, cercavo rose bianche sopra il muro, appena sotto il cielo spinato.

Non sono io.

Mi avvicino risoluto alla mezzanotte e le svolgo dal costato le fasce consumate dai sospiri ritratti.
Ecco, sgorgano ancora aggettivi e, di nuovo, le lettere rosse, solite e irruente, come me.
Ho i motivi che mi hai lasciato, di giusto vigorosi, di gusto intrisi.

Prima di andare, ho messo in ordine, non temere: gli stivali son in fondo alla stalla, accanto allo scudo che riposa sullo steccato e ho  anche riposto le parole con cura nel tuo primo cassetto.
Perdonami, ma non potevo abbandonare la spada rassegnata, l'ho conficcata, con l'ultima prepotenza, poco oltre i confini delle tue terre e non ero sobrio. 
Non ero io.



4 commenti:

LA CONIGLIA ha detto...

Spalanchi, furioso, e strappi via sentimenti da dentro i cuori. Come sempre. Ben tornato.

Farnetico ha detto...

Cara Coniglia sei molto gentile, ma ti ricordo che sono impermeabile ai complimenti e alle adulazioni quindi stai perdendo il tuo tempo.
Ti va di separarci , divorziare e risposarci?? :-) :-)

MichiVolo ha detto...

Adesso posso dire che mi sono "eccitata", dopo De Gregori e le tue parole.

Ché la notizia in sé di un blog riaperto non avrebbe avuto la sua dose di "eccitazione" se questo spazio fosse rimasto senza parole.

E invece di parole ce ne sono, e anche belle.
Un ritorno in grande stile, ermetico e nostalgico come sempre.

E forse sei proprio tu, quello che cammina per strada, con le buste della spesa.

Farnetico ha detto...

Devo dire che è un commento che mi piace moltissimo, forse perché hai colto l'incrocio tra le mie parole e la canzone, forse perché apprezzi come scrivo. Ora non voglio farti rimanere eccitata per troppo tempo altrimenti sarò costretto a chiederti dei contributi economici di un certo rilievo. Adesso, pertanto, torno sulla strada con le mie buste per quello che io sono, senza queste parole. Grazie Volo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...