sabato 23 aprile 2011

Nuovo Blog





Sto creando un blog:
                                       LA DIGNITA' DEL BRUTTO

   - Storie di uomini costretti a sbracciarsi per ottenere un po'd'attenzione -

Partecipa anche tu!
Quante volte ti sarà capitato di sentirti dire:
- "sei simpatico, sei come un fratello"
- " adesso non mi sento di cominciare una relazione, sto pensando a me stessa e alla mia vita"
- " non ti merito".


Sono certo che anche voi, presto o tardi, vi siate trovati a giocare alla "bottiglia".
Dopo tanto guardare, vi ponevano la fatidica domanda "Bacio, carezza o schiaffo" e beccavate "bacio"! Non si trattava, tuttavia, di fortuna, ma solo del bullo di turno che vi usava come punizione nei confronti di qualche donzella o semplicemente per fare il simpatico...
Si metteva in moto la bottiglia, e voi incantati, ammaliati dal roteare senza fine della bottiglia...uvf uvf (il volteggio della bottiglia)...uvf..uvf..
Stavate con gli occhi sbarrati, quasi a spingere il collo della bottiglia in direzione del vostro obiettivo militare..
Si era fermata....eh si, eh si, controllavate e ricontrollavate, ma indiscutibilmente quello strumento divino, utilizzato volgarmente come contenitore per acqua, indicava "Lei".
Nonostante le risatine tutt'intorno e le battute manualistiche in ordine al livello di gradevolezza di un vostro bacio, voi eravate al traguardo e per niente al mondo ve lo sareste fatto scappare.
Vi siete improvvisati geometra al momento in cui lei ha tentato di avanzare, con un certo fastidio, l'ipotesi che il collo della bottiglia non fosse esattamente in asse con la propria persona e che, pertanto, era neccessario effettuare una ulteriore "girata"...lei non era cosciente che la bottiglia era piantata in quella posizione con chiodi di fuoco ficcati dal vostro sguardo a martello, ma lo ha inteso quando ha visto la vostra reazione nei confronti di colui che ha provato ad avvicinarsi a quella che non era più una bottiglia, ma la vostra pietra filosofale, per modificarne la posizione.
In quel momento voi siete diventati il nuovo M.L.King e avete accusato costui di crimini contro l'umanità.

Non avete avuto riguardo per il vostro orgoglio messo a ferro e fuoco dalle denigrazioni di sorta e da quel suo moto di sdegno nei vostri confronti.
Voi, sordi, ciechi: la furia di una mandria di bufali. Lei, una erba tenera, dolce,desiderata.
Si doveva fare la volontà di Dio (il vostro). Lei sull'altare come agnello sacrificale, tremante, guardava con sguardo sofferente l'amica del cuore per l'estremo saluto.
Voi, fieri e gloriosi, avvicinate le vostre labbra alla sua bellezza... lei stringe gli occhi; silenzio in sala, tutta l'attenzione su di voi, come non era mai successo...

Con la coda dell'occhio, vedete la sua amica sgattaiolare fuori dalla stanza: forse non voleva assistere al rito propiziatorio...dopo qualche secondo entra la mamma dell'amica per portare la roba da mangiare...tutti scappano verso il tavolo, lei, il vostro agnello, scivola via silenziosa e corre, commossa, ad abbracciare l'adorata amica in stile liberazione dai campi di concentramento.
La signora chiede che cosa stessimo facendo tutti in silenzio e rivolgendosi a me dice: "eccoti un buon panino, ci voleva proprio, eh?"
Siete rimasti tutta la sera a masticare lo stesso boccone, immobili, fermi, inutili, scherniti.
The End.

                                                                                                 Per Jack

13 commenti:

Ale ha detto...

AHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHHH... bellissimo!

Farnetico ha detto...

NO!
Bellissimo NO!
e poi tu vedi di scrivere in quel blog PUCCI PUCCI!

Ale ha detto...

ma io ho molto riso, hai reso l'idea perfettamente! Il momento dei panini era la salvezza! e il mio blog NON E' PUCCI PUCCI!

Minerva Jones ha detto...

Io gli uomini lagnosi - tanto più se sono sgnaccheri come nel tuo caso - non li sopporto :-P
Lascia che i brutti si estinguano e non rompere :-D

Ale ha detto...

sottoscrivo in pieno!

Farnetico ha detto...

Minerva, Minerva, tu manchi di rispetto a un'onorata carriera nella bruttezza!
Sono fiero delle mie storie anche perchè nonostante certi blog (non faccio nomi), la bruttezza è enormemente più simpatica e profonda della bellezza.
La cosa che, inoltre, trovo ingiusta è che quando una cosa o una persona è brutta, ma ha altre qualità, prima o dopo arriva qualcuno che dice "non sei brutto, sei bello..non è bruttezza, ma un'immensa personalità che non tutti riescono a cogliere...sei una bella persona"!
Tralasciando il recondito e misterioso significato di "bella persona", voglio esprimere ancora una volta solidarietà e vicinanza alla bruttezza: quando si riscontrano qualità positive, uniche e affascinanti in una cosa o in una persona non significa che quella persona o cosa sia bella, ma che la bruttezza è migliore della bellezza perchè è stimolo e tensione verso la grandezza che è un'idea. Buona Pasqua.
TU che cavolo sottoscrivi?

Jack ha detto...

ecco da dove tutto è nato..."aaaaahhhhh sono...."!

Farnetico ha detto...

Non scherzare troppo, non è ammesso.

Maria Carla ha detto...

Mi intrufolo perché hai toccato uno dei miei ricordi d'infanzia...
La bottiglia che si ferma al punto giusto, io, forse non brutta ma troppo timida e magrolina confronto alle mia compagne già con forme da pin up.
Lui, innamorato della mia migliore amica seduta accanto a me maledice il destino e sportivamente si immola con un sorriso. Nessun momento panini rovina il mio primo bacio...
Sono soddisfazioni!

Farnetico ha detto...

Cara Maria Carla,
grazie per la tua testimonianza. Noi della "dignità del brutto" amiamo, senza veli di ipocrisia nè sdolcinate sviolinate, confrontarci apertamente e soprattutto con lealtà con chi, come te (suppongo dal "non brutta"), non ha il privilegio di appartenere orgogliosamente alla "casta".
...ma come finì poi??

Maria Carla ha detto...

Carissimo Salvos.,
io e lui eravamo amici inseparabili, compagni di classe e vicini di casa, passavamo tutto il giorno insieme e lui mi chiamava la sua sorellina (come sai, quando un uomo ti dice che sei sua sorella sei automaticamente iscritta alla "casta", non devi nemmeno fare domanda), ma la sacra commissione del gioco della bottiglia stabilì che il bacio aveva avuto una durata superiore di almeno tre secondi al dovuto, bisognava dunque fare chiarezza.
Giocando il tutto per tutto decisi di sfruttare l'immenso potere che hanno le amiche quando hai dodici anni per convincere la mia bellissima e formosissima amica a cedere alle avance del mio lui...
Tu dirai: ma perchè???
Perchè io non sono la seconda scelta di nessuno!!
Te la faccio breve, quattro giorni dopo eravamo fidanzati e lo siamo stati per ben due mesi (che a quell'età è quasi un record).
Adesso è ancora un mio carissimo amico e ogni volta che viene a Roma mi viene a trovare, l'ultima volta con 24 rose per la sua "splendida sorellina".
Come dicevo... sono soddisfazioni!

Farnetico ha detto...

Cara Maria Carla,
pur non trovando più il tuo post, ti ringrazio per la preziosa testimonianza, nonostante vi siano dei punti oscuri che potresti chiarirmi:
1 - cosa significa "casta" (sii paziente non sono uno sveglione).
2 - nel bacio c'erano percentuali di lingua? (è scientificamente importante).
3 - se non sei seconda a nessuno perchè poi ti ci sei messa?
4 - 2 mesi a quell'età è un'eternità?? ma allora non ci sono più le ragazze serie??

Maria Carla ha detto...

Carissimo Salvatores,
sono qui per colmare ogni tuo dubbio:
1- la casta è ovviamente quella dei brutti, secondo una citazione del tuo post precedente nel quale affermavi che, autodefinendomi"non brutta", non facevo parte della "casta".
2-Qui sollevi una questione molto importante che avevo tralasciato per paura di dilungarmi in particolari tediosi.
Come ben saprai, nel gioco della bottiglia, il bacio consiste esclusivamente nel congiungimento delle labbra; purtuttavia, vedendo che la questione si prolungava più del dovuto, la commissione d'esame ha ritenuto necessario pormi la tua stessa domanda (eravamo ad un pigiama-party e la scarsa luce non permetteva una visuale ottimale).
Naturalmente, troppo imbarazzata e ancora confusa dall'accaduto, ho giurato e spergiurato che non vi era alcuna percentuale di lingua, ma adesso, dopo vent'anni e un parto alle spalle, mi sento sufficientemente spregiudicata per confessarti che SI, la percentuale c'è stata, la definirei non superiore al 2% ma c'è stata.
3- E' evidente che ti è sfuggita la mia sottilissima tattica.
Lasciandogli coronare il suo grande sogno d'amore l'ho liberato dal suo errore mostrandogli come, in maniera evidente, non vi è donna alcuna che possa reggere il confronto con me!
Dopo quattro giorni che stavano insieme ha infatti deciso di lasciare lei per stare con me. Avendomi preferita di sua libera scelta (e non perchè tanto lei non ci stava...) posso definirmi non seconda a nessuno, ma piuttosto scelta con attenzione tra tante.
4- Ehm... qui ovviamente c'è stato un malinteso... mi sono sicuramente espressa male dato che io, serissima come ben sai, non potrei mai affermare che a quell'età cambiavo fidanzato con tale frequenza...
Mi avvalgo della facoltà di non rispondere se non davanti al mio avvocato...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...