domenica 8 maggio 2011

Per fortuna che...


"Bisogna impugnare le contraddizioni, bisogna vivere soltanto la contraddizione"





Mi chiedo in che casella i "Ladri" inquadrino costui, il suo pensiero e la sua passione.
Qualcuno si è sentito derubato della parola bellezza con mio sommo piacere: è stata avvertita, fortunatamente, la privazione dell'umano sentire, l'uccisione della spontaneità, la ferita sanguinante alla bellezza...bellezza come una distesa di mare, semplicemente, o come un "brutto tempo", come un genio criminale.
Se qualcuno si sente derubato, ancora esiste, ancora.
Bellezza, democrazia, libertà: nessuna definizione, nessuna risposta da queste entità, esistono semplicemente.
Ogni commento, ogni pensiero espresso con il supporto di opere, autori e citazioni è puro narcisismo e profonda incapacità di subire una sconfitta.
La bellezza (e la sto distruggendo) è tale nella sua fluttuante leggiadria, nella scoperta che ci sorprende ove non ci aspettavamo... anche lì, nel "brutto" della mafia, dell'olocausto, delle carestie, della malattia, della violenza.
Come un bucaneve o erbaccia che spacca il catrame e vien fuori miracolosamente dall'orribile asfalto, la bellezza non dà scampo quando essa "è".
La bellezza è illimitata potenza, è qualcosa di incerto nella sua evoluzione, di indistinto nella sua onnipresenza, di indeterminato nella sua vaghezza.
La bellezza ha bisogno del "semplice, leggero, generico e impreciso" per essere.
Coloro che rubano queste necessarie condizioni inceneriscono la bellezza.
Arrogarsi il diritto di stabilire cosa è bellezza è bruttezza.
Semplicemente.

2 commenti:

Minerva Jones ha detto...

Buongiorno! Mi permetti qualche osservazione a ciò che dici?

1) Proprio perché ognuno ha la propria sensibilità e il proprio punto di vista, nessuno può dare una definizione di cosa la bellezza sia e nessuno nel blog cui ti riferisci l'ha fatto: se vedi le 'definizioni' - decisione che è stata presa al posto dello scrivere un manifesto unico - è per riconoscere questo pluralismo di punti di accezioni diverse con cui ciascuno la intende, e che può annoverare cose che magari io o te ritieniamo brutte': quello che è interessante, credo, è che - sulla base della scelta che s'è fatta in 16 persone - ciascuno posta liberamente senza confronti preventivi, autorizzazioni, censure e da lì nei commenti si può sviluppare un confronto :-)

2) Non sono poi d'accordo con te che associ categoricamente la bellezza alla spontaneità. Per come la vedo io (opinione appunto personale), la sensazione di piacere nella percezione di qualcosa mi risulta da uno 'scarto dalla norma' che 'risuona gradevolmente in me' (ovvero che si riconnette a qualcosa da me percepito come piacevole in passato, che io sia cosciente di tale connessione o meno), ma può essere qualcosa di casuale o può essere il risultato di una competenza altrui e di un talento che rende qualcosa unico e - ai miei sensi - bello.

Farnetico ha detto...

Buonasera Minerva,
sono molto contento di ricevere commenti sul blog e di conoscere il tuo pensiero.
Apprezzo molto il tuo gesto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...